tor-vergata

L’Ateneo

Progettato sul modello dei campus universitari anglosassoni, l’ateneo romano di “Tor Vergata” ha iniziato l’attività didattica nel 1982 e occupa un’estensione territoriale di circa 600 ettari. All’interno dell’area, dove sono presenti importanti istituzioni di ricerca, come il CNR e l’ASI – Agenzia Spaziale Italiana, ha sede il Laboratorio Nicola Cabibbo, il nuovo centro internazionale di fisica fondamentale e applicata promosso dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dall’Università di Roma Tor Vergata per la realizzazione dell’acceleratore Super B. Grazie anche agli altri centri di Ricerca che gravitano in prossimità del campus, quali l’ENEA, l’ESA – ESRIN, l’Istituto Nazionale di Astrofisica, l’Osservatorio di Monte Porzio Catone e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, “Tor Vergata” si conferma una delle più dinamiche aggregazioni del Paese.

Valutazione e Classifiche

Nel Rapporto ANVUR sulla Valutazione della Qualità della Ricerca VQR 2004-2010 in Italia, l’Ateneo di Roma Tor Vergata, oltre a diverse eccellenze nelle aree scientifiche (“Tor Vergata” è il primo in Italia nell’Area 3 – Scienze chimiche), si colloca al 9° posto tra le grandi università risultando la prima del Centro-Sud. Nella classifica internazionale QS World University Rankings Top University 2014, “Tor Vergata” occupa il 7° posto tra le università italiane e il 305° posto nel mondo, guadagnando 15 posizioni rispetto allo scorso anno, mentre si piazza al 33° posto nel mondo – ed è l’unica università italiana presente in classifica – nella QS World University Top 50 Under 50 2014, dedicata agli Atenei che hanno meno di 50 anni.

Didattica e Internazionalizzazione

L’Università Tor Vergata offre 112 corsi di laurea (triennale, magistrale, a ciclo unico), di cui 11 interamente in lingua inglese, 31 dottorati, di cui il 12% rilascia titolo congiunto con Atenei stranieri, collabora a progetti internazionali di ricerca con “top 500 University” e promuove ricerca in ambito interdisciplinare: 88 i progetti di ricerca cofinanziati dal Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo tecnologico dell’Unione Europea – VII Programma Quadro e 42 i progetti (in corso) finanziati da altri programmi comunitari e internazionali).
Nel 2014 è nata la Fondazione Hope to Beat Tumorigenesis (HBT) co-fondata dall’Harvard Medical Faculty Physicians al Beth Israel Deaconess Medical Center (HMFP), l’Università di Roma Tor Vergata e Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) di Boston. L’obiettivo di questa collaborazione è di trasferire l’innovazione nella pratica clinica e lo scambio di ricercatori delle Università coinvolte, che andranno a sviluppare programmi di ricerca, formazione, diagnosi e cura innovativi mirati a comprendere le basi genetiche e molecolari del cancro.

PTV, il Policlinico Universitario

Nel Campus è presente una delle strutture ospedaliere più moderne d’Italia, Il Policlinico Universitario Tor Vergata, centro assistenziale e di ricerca per tutta la Regione, con attrezzature di assoluta avanguardia, dove opera anche la Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Il Policlinico Tor Vergata annualmente eroga circa 2.000.000 di prestazioni ambulatoriali, con 25.000 degenze e 53.000 accessi al pronto soccorso. I posti letto sono circa 400 e 1800 unità di personale in servizio.